LE PROIEZIONI GEOGRAFICHE, PARALLELI E MERIDIANI

Come già accennato nel capitolo mappamondi, solo essi possono avere la giusta proporzione. Le proiezioni sono invece il tentativo di portare le mappe della Terra su una superficie piana, ma questo risulta impossibile in quanto tale operazione è sempre soggetta a qualche deformazione; inoltre sono scarsamente indicati i Poli, talvolta riportati in un riquadro laterale. Esistono centinaia di proiezioni, ma in questa sede ci limiteremo a parlare soltanto delle più diffuse, e riferite soltanto ai planisferi.

Esempio di Proiezione di Mercatore

PROIEZIONE DI MERCATORE

Nella proiezione di Mercatore i meridiani e i paralleli risultano tutti orizzontali, ma questo crea una grossa sproporzione tra i Paesi vicini all'Equatore e i Paesi a nord e a sud, come per esempio la Groenlandia (2,2 milioni di kmq), che appare più vasta della Cina (9,6 milioni di kmq).

Esempio di Proiezione Azimutale di Lambert

PROIEZIONE AZIMUTALE DI LAMBERT

La proiezione Azimutale di Lambert è una visuale conica presa dall'alto oppure frontalmente sull'equatore, che ha lo scopo di fornire l'equidistanza tra i vari punti della terra. La proporzione però. al contrario di Mercatore, rimane più fedele vicino al Polo Nord o all'equatore sull'Africa, mentre i territori risultano schiacciati verso sud oppure ad est e ad ovest.

Esempio di Proiezione di Peters

PROIEZIONE DI PETERS

La proiezione di Peters è tra le più recenti proiezioni: Arno Peters si propone di dare la giusta proporzione sulla superficie dei vari Stati e dei vari territori, tant'è vero che, in questo caso la Groenlandia risulta molto più piccola della Cina, ma le distanze e la forma risutano quanto mai deformate, in quanto i Continenti sono rappresentati come lunghi e stretti: confrontando la carta di Peters con un mappamondo, ci si rende subito conto della stridente differenza.

Esempio di Proiezione di Goode

PROIEZIONE DI GOODE

La proiezione di Goode rispetta abbastanza bene le proporzioni e indica i paralleli centrali per ogni Continente, ma per essere così si è convenuto che il planisfero debba essere suddiviso in quatto "fette".

Esempio di Proiezione di Mollweide

PROIEZIONE DI MOLLWEIDE

La proiezione di Mollweide presenta un piacevole disegno ellittico del planisfero , ma questo fa sì che i territori rimangano schiacciati laddove l'ellisse si stringe.

PROIEZIONI DEL PLANISFERO

Le proiezioni del planisfero sono tradizionalmente rappresentate dall'Europa in centro e nell'emisfero nord, ma qualche studioso ha creato delle mappe del mondo che rappresentano l'America in centro, oppure l'Australia a nord (upside down), oppure il Pacifico in centro.

Esempio di America in centro
Esempio di Australia a nord
Esempio di Pacifico in centro

PARALLELI E MERIDIANI

I meridiani e i paralleli, intersecandosi tra di loro, permettono l'orientamento su qualsiasi punto della Terra: usati anticamente soprattutto dai naviganti con l'invenzione del sestante, si può ora ottenere con i nuovi strumenti a nostra disposizione, una precisione millimetrica. Per fare un esempio la Libreria Il Giramondo è posizionata sulle seguenti coordinate: Latitudine 45° 07' 79.81 N - Longitudine 7° 66' 88.73 E
I paralleli sono linee immaginarie che girano orizzontalmente sulla circonferenza terrestre: il punto di partenza è l'Equatore, sul quale passa il parallelo 0°, arrivando fino al parallelo 90° nord o sud, che sono i punti estremi della Terra. Per un esempio, nei pressi della città di Torino passa il 45° parallelo nord, in quanto questa zona si trova esattamente a metà tra l'Equatore e il Polo Nord: questa coordinata si chiama latitudine.
I meridiani sono linee immaginarie che suddividono il globo terrestre in spicchi: convenzionalmente, il punto di partenza è il meridiano di Greenwich (meridiano 0°). La città di Torino si trova circa sul meridiano 7°40'E: questa coordinata si chiama longitudine.

Esempio di meridiani e paralleli